top of page

sab 13 mag

|

EcoMuseo Nesta

DANTE SELVA - visita guidata alla mostra

La registrazione è stata chiusa
Scopri gli altri eventi
DANTE SELVA - visita guidata alla mostra
DANTE SELVA - visita guidata alla mostra

Orario & Sede

13 mag 2023, 16:00

EcoMuseo Nesta, Via S. Gaetano da Thiene, 6, 10154 Torino TO, Italia

Info sull'evento

L'EcoMuseo Nesta, Libere Gabbie e il Fondo Famiglia Nesta sono lieti di invitarVi alla scoperta della mostra "Dante Selva. Il più solitario degli Artisti."

Oltre 200 opere, alcune delle quali esposte per la prima volta dalla morte dell'artista, ci accompagneranno alla scoperta di Dante Selva, una delle più significatiche presenze dell'arte torinese del secondo dopoguerra. Accompagnati dal direttore del museo, prof. Walter Revello, faremo una passeggiata attraverso la storia e la bellezza. 

Ingresso al museo e visite guidate sono totalmente gratuite. E' obbligatoria la prenotazione.

Di seguito la presentazione della mostra

DANTE SELVA. Il più solitario degli Artisti

In quale modo si può valutare l’esperienza artistica di una personalità come Dante Selva?

Nato nel biellese nel 1910, torinese per quasi tutta la sua esistenza, Selva fu, senza ombra di dubbio, una delle figure più enigmatiche del panorama artistico subalpino. Allievo di Bosia e, quindi, della sinistra bistolfiana, si emanciperà ben presto dall’ambiente accademico per andare alla ricerca di un proprio linguaggio, in confronto con le eterogenee realtà torinesi, da Casorati al Gruppo dei Sei. Il primo Selva è quindi in bilico tra linguaggi e forme differenti, che lo porteranno a presentare un pregevole autoritratto alla Biennale di Venezia del 1940. Divenuto una “giovane promessa”, nel medesimo anno invia all’Esposizione Sindacale di Torino una grande tela dal titolo “I distruttori”, in cui presenza Hitler e Mussolini a cavallo, davanti a uno stuolo di cadaveri: per il regime, appena affacciatosi alla guerra, è un affronto imperdonabile. Selva sparirà quindi dall’orizzonte pubblico per tutto il conflitto, divenendo a tutti gli effetti un paria. Nel luglio 1945, con ancora il boato della guerra alle spalle, la galleria Cigala di Torino gli dedicherà la prima mostra post bellica con un intento preciso: Dante Selva è un pittore che si presenta per la prima volta con una personale di vero impegno. In questi ultimi dieci anni egli ha lavorato in silenzio, lontano da tutte le “battaglie” artistiche che inondavano la penisola e che, pur col loro fragore, avevano creato una specie di rarefatto deserto intorno all’arte.

Nei successivi trent’anni, Selva presenzierà a mostre, esposizioni ed eventi nazionali e internazionali, portando avanti al contempo la sua particolare ricerca nei linguaggi e nelle tecniche dell’arte pittorica, scultorea, incisoria ma anche nella scrittura, narrativa e teatrale. Ciononostante, la sua esperienza artistica rimane fuori dai canali principali rendendolo, come ben lo definì una mostra del 1962, il più solitario degli artisti. Epicentro delle sue ricerche, del suo Mondo Misterioso,sarà la bottega di via San Francesco d’Assisi, da lui denominata Officina d’Arte, dalla quale usciranno generazioni di artisti.

Selva morì il 12 novembre 1976: negli anni immediatamente successivi, la moglie e artista Sandra Roggero e Paolo Nesta, suo allievo e erede artistico, iniziarono un lungo lavoro di ricerca e recupero che ha portato alla conservazione di un vasto patrimonio di opere, testi, studi e appunti.

La mostra che l’EcoMuseo Nesta dedica a Dante Selva introduce il capitolo conclusivo di quasi cinquant’anni di ricerche, finalizzato alla pubblicazione e all’esposizione, entro il 2026, dell’Opera Omnia.

La mostra “Dante Selva. Il più solitario degli Artisti”, aperta al pubblico dal 10 marzo al 28 maggio, esporrà le prime 200 opere della vasta collezione del Fondo Famiglia Nesta: in contemporanea, Libere Gabbie, ente promotore della ricerca, svilupperà una nuova campagna di studio, sia sui materiali a disposizione sia di ricerca delle opere diffuse presso collezioni private, nonché di pubblicazione e messa in scena dei testi narrativi e teatrali. In questa prospettiva, proprio durante la mostra, andrà in scena, in anteprima assoluta, lo spettacolo “L’Officina d’Arte: Selva, Torino, il Mondo”, prima indagine psico-emotiva del più solitario degli Artisti, ad opera di Walter Revello.

Curatore della Mostra: Walter Revello

Catalogo edito da Libere Gabbie edizioni

Biglietti

  • Visita guidata gratuita

    0,00 €

Totale

0,00 €

Condividi questo evento

bottom of page